Intro di “Zang tumb tumb” degli Zetazeroalfa dell’album “La ballata dello stoccafisso”.

E non ditemi che anche voi non vi sentite un poco futuristi.