himalaya-giardino-zen

Zen in vernacolo autoctono: solo una delle arti in cui eccelle il saggio maestro zen Papakashtoro. Ecco a voi l’ultima puntata natalizia, dall’emblematico titolo “L’annuncio”, scaricabile QUI.

Buone feste zen.

Annunci

Il file lo trovate, al solito, QUI.

E ricordate: lo zen presuppone pazienza e cuffie. Ascoltate in cuffia, e se non funziona il download, cliccate, cliccate, cliccate. PapaKashToro è orgoglioso di voi tutti.

Ed eccodi ancora qui, amici dello zen, per la terza puntata delle storie zen di PapaKash. Ricordiamo che i racconti sono tratti da ‘101 storie zen’ edito da Adelphi.

Rammentiamo che per una migliore fruizione del senso mitico del Tutto, è consigliato l’ascolto in cuffia; se il download del file non funziona subito, riprovate, e pazientate; lo zen, del resto, è anche abnegazione e pazienza.

‘Nessuna pietà’, questo il titolo della storia che ci racconta oggi il nostro maestro, la trovate QUI.

Buon ascolto.

Inauguriamo una nuova rubrica. Conosciamo tutti il valore delle piccole storie zen che da secoli vengono tramandate da monaci e monaci, di ogni nazione: ché proprio nella loro semplicità risiede tutta la loro efficacia. Storie che possono esser declinate nelle lingue più diverse e secondo tradizioni e ritmi che nemmeno te l’immagini.

Così abbiamo chiesto a un altro monaco, uno delle nostre parti, dalla stoica e indefessa levatura morale, di raccontarcene alcune. PapaKashtoro racconta per noi e per tutti.

[Cliccate QUI per scaricare la storia di PapàKashtoro]